Come navigare anonimamente su dispositivi Android

Gli utenti sono sempre più preoccupati per la loro privacy, non solo quando usano il PC ma anche durante la navigazione online con dispositivi mobili. La privacy è un tema che anche gli utenti di Android dovrebbero prendere sul serio. È infatti sempre consigliabile mantenere l’invisibilità quando si è online, non solo perché ci sono grandi aziende che raccolgono i dati, ma anche a causa delle lacune nella sicurezza e delle fughe di dati. Le opzioni per farlo vanno dalle soluzioni VPN ai browser Tor e alla modalità di navigazione in incognito. Questo rende attuale la domanda di come questi metodi possano essere implementati e quale grado di anonimato garantiscano.

Perché è consigliabile navigare anonimamente su Android?

I problemi di privacy valgono anche per la navigazione su dispositivi mobili: chiunque sia attivo su Internet quasi inevitabilmente lascia delle tracce. Queste tracce includono dati e informazioni che possono cadere rapidamente nelle mani sbagliate. Non sono solo aziende come Facebook e Google a essere interessate alla raccolta, all’uso e all’analisi di questi dati. Ci possono essere complicanze che si presentano anche sotto forma di lacune nella sicurezza o raccolta di dati privati; il furto e l’uso improprio dei dati sono un problema costante.

Tra i dati che ci si lascia dietro navigando vi sono gli indirizzi IP (che consentono l’identificazione univoca dei computer su Internet) e i cookie. Questi piccoli file consentono a chiunque vi abbia accesso di ottenere informazioni dettagliate sul proprio comportamento di navigazione. Durante la navigazione online con Android, gli utenti che ci tengono alla sicurezza dovrebbero perciò dare grande importanza a determinati strumenti che consentono un maggiore anonimato.

Come si può navigare anonimamente su Android?

Esistono diversi modi per diminuire la visibilità online. Prima di tutto, bisogna iniziare a livello di browser. Prima di provare app, Tor-Browser o VPN, è pertanto consigliabile cancellare regolarmente la cronologia delle ricerche. Anche sugli smartphone, indirizzi delle pagine e cronologia delle ricerche possono infatti essere eliminati, proprio come sui PC.

Se vuoi fare un ulteriore passo avanti, puoi eliminare o bloccare tutti i cookie. Se i cookie non sono più tracciabili, le pagine visitate e il comportamento di navigazione non offrono più alcuna informazione. Bisogna tuttavia considerare che alcuni siti Web avranno una capacità di funzionamento limitata senza i cookie. In tal caso, i cookie possono essere temporaneamente autorizzati e poi di nuovo rimossi.

VPN su Android

Ti consigliamo di utilizzare una VPN che non crei file di registro come la nostra VPN Shellfire, in modo da mantenere il tuo vero indirizzo IP nascosto agli altri.

Qualche tempo fa, abbiamo pubblicato un altro articolo in cui si può avere una panoramica generale dei principali vantaggi e svantaggi delle VPN.

Al momento, la VPN Shellfire è disponibile per i seguenti sistemi operativi:

Con Android, tutto quello che devi fare è scaricare la nostra app da Google Play, seguire le istruzioni a schermo e sei a posto. La nostra VPN Shellfire è disponibile sia gratuitamente che in una versione premium a pagamento che si può avere per circa 5 Euro al mese.

Clicca qui per ulteriori informazioni sulla VPN Shellfire

Navigazione privata su Android

Dispositivi e browser forniscono anche possibilità di anonimato tramite le loro modalità di navigazione in incognito interne. La modalità di navigazione in incognito garantisce che le ricerche e la cronologia del browser non possano essere tracciate attraverso usi diversi del dispositivo. È anche possibile utilizzare due account su piattaforme o in un servizio di posta elettronica in parallelo con la modalità di navigazione in incognito.

La navigazione anonima è anche consigliata a chiunque voglia controllare i propri messaggi o accedere a propri account da dispositivi pubblici. L’attivazione della modalità di navigazione in incognito varia da un browser all’altro. In Chrome, può essere trovata nella barra di ricerca in alto a destra cliccando sui tre puntini e quindi nella Nuova scheda in incognito che apparirà in seguito. In Firefox, l’opzione si chiama Nuova finestra privata.

Occorre tenere a mente che anche utilizzando la modalità di navigazione in incognito si lasceranno delle tracce su Internet. Contribuisce comunque a rendere anonimi online i tuoi dispositivi.

Tor Browser su Android

Un’alternativa o una aggiunta all’anonimato fornito dalla VPN è il browser Tor. Questo tipo di browser è disponibile da anni per PC e Mac ed ora lo è anche per l’uso con dispositivi mobili Android. Il browser Tor è basato su Firefox e può essere scaricato gratuitamente dall’App Store di Android.

Il principio su cui si basa Tor è una rete di server crittografati. La logica è simile a quella di una VPN: la crittografia dei server serve a impedire o mascherare l’indirizzo IP dell’utente. La rete Tor è distribuita in tutto il mondo. Quando ci si connette a questa rete, si possono visitare i siti Web in sicurezza e anonimato. A volte è anche possibile accedere a contenuti bloccati in alcuni paesi. Tor cancella inoltre automaticamente tutti i cookie una volta chiuso il browser e, infine, blocca qualsiasi strumento di tracciamento.

Il browser Tor browser è anche disponibile per Android e fornisce un importante contributo all’invisibilità online. Un grande svantaggio di questa opzione, tuttavia, è una velocità di trasferimento dati piuttosto bassa. La VPN è la soluzione migliore, soprattutto quando si fa streaming.

Usare una VPN su Android è legale?

La legalità di una VPN dipende dallo stato nella quale la si usa. In Italia, come in gran parte dei paesi del mondo, l’uso delle VPN è legale e non crea problemi. Alcuni esempi di eccezioni possono essere la Cina e la Russia, dove sono consentite soltanto alcune VPN molto particolari regolamentate dallo stato. Anche la Turchia sta ponendo nuove e crescenti restrizioni all’uso delle VPN.

Si prega di notare che ogni individuo è responsabile delle proprie attività in Internet. Questo principio resta valido anche se l’attività avviene per tramite di una connessione VPN.

Che vantaggi offre una VPN quando si fa streaming su Android?

Quando si parla di streaming, un certo livello di prestazioni è essenziale. Il Tor Browser, ad esempio, è troppo lento perché la maggior parte dei servizi di streaming funzioni senza problemi. Le VPN ad alte prestazioni, per contro, consentono uno streaming fluido dei contenuti. Un altro vantaggio decisivo è che il software VPN consente lo streaming di contenuti online da quasi tutti i paesi.

Film, serie televisive e altri contenuti che normalmente non sono disponibili nel tuo paese possono essere guardati in streaming grazie a una VPN. Il servizio VPN inganna il sito target facendogli credere che ci si sta collegando dal paese in cui esso si trova. La VPN può anche fingere di essere attiva in qualsiasi paese, evitando le restrizioni dovute ai blocchi geografici. Simula un indirizzo IP del paese in cui la navigazione è consentita aggirando così la restrizione geografica.

Conclusioni

Oggi, gran parte di tutte le attività online avvengono su dispositivi mobili, con il sistema operativo Android che detiene un’enorme quota di mercato, soprattutto in paesi come la Germania. I dati trasferiti in questo modo sono pericolosi se finiscono nelle mani sbagliate, non solo quelle delle grandi aziende a cui interessano. Pertanto, la navigazione sicura sui dispositivi mobili è di grande importanza. Chiunque ci tenga all’anonimato e alla protezione dei propri dati può implementarla con pochi, semplici passaggi.

La navigazione in rete su Android può essere anonima se si eliminano cronologia delle ricerche e  cookie con regolarità e se si utilizzano VPN, browser Tor o navigazione privata. La combinazione di questi elementi e metodi garantisce un grado di anonimato particolarmente elevato.

No ratings yet.

How did you like this post?