Come navigare anonimamente con l’iPhone

La privacy e l’anonimato sono importanti per molti utenti di iPhone. Anzi, questo è forse più vero per loro che per altri, visto che la Apple evidenzia sempre questo tipo di problematiche quando presenta nuovi prodotti. Ma quali sono le possibilità offerte da questo smartphone californiano per navigare in rete senza che nessuno lo sappia? Queste le possibilità usuali:

Perché è consigliabile navigare anonimamente sull’iPhone?

Internet pullula di spie, che portano il nome inglese fuorviante di biscottini: i cookie. Queste spie osservano il comportamento di navigazione degli utenti e dai dati raccolti creano dei profili. Molti di questi cookie, anche se non tutti, provengono da chi vuol fare pubblicità. Pochi utenti sono a conoscenza di chi può avere accesso ai loro dati nell’estesa tundra del Web, o di cosa rivelino le informazioni raccolte su di loro.

La stragrande maggioranza delle persone ha sempre utilizzato ampiamente il proprio smartphone per navigare sul Web. Di conseguenza, i cookie per i dispositivi mobili nel tempo sono divenuti sempre più sofisticati.  Ciò è particolarmente vero per i telefoni Apple, che sono stati tradizionalmente tra gli smartphone più venduti. La navigazione invisibile, possibile con l’iPhone, protegge da questo costante tracciamento e dall’uso improprio dei dati che potrebbero essere rilevati.

Come si può navigare anonimamente sull’iPhone?

Ci sono parecchi modi per navigare in anonimato sull’iPhone; tra questi: usare una VPN, la modalità di navigazione privata di Safari, i proxy server o la rete Tor.

Navigazione privata sull’iPhone con Safari

Safari offre la cosiddetta navigazione privata sull’iPhone (e sull’ iPad). Per utilizzarla, accedi al browser sul dispositivo mobile, quindi apri una nuova scheda. Vedrai il pulsante Privato tra le relative opzioni di selezione. Cliccando su questo pulsante, nessuno dei siti Web visitati verrà memorizzato nella cronologia o nella cache. Il dispositivo non memorizzerà nemmeno i dati inseriti in eventuali moduli per la compilazione automatica successiva.

Il vantaggio di questa opzione è che consente di passare rapidamente dalla modalità normale a quella privata poiché le schede corrispondenti non vengono chiuse. Lo svantaggio è invece che questa modalità non offre alcuna protezione dai cookie. Nega semplicemente ad Apple, e ad altri che potrebbero avere accesso all’iPhone, la possibilità di vederne i relativi dati.

Clicca qui per accedere alla pagina ufficiale dell’assistenza clienti Apple, dove puoi trovare informazioni più dettagliate su come utilizzare la navigazione privata sul tuo iPhone.

VPN per iPhone

Per non far conoscere ad altri il tuo vero indirizzo IP, ti consigliamo di utilizzare una VPN che non archivi file di registro, come la nostra VPN Shellfire.

Puoi avere una panoramica generale dei principali vantaggi e svantaggi della VPN leggendo un nostro precedente articolo.

Al momento, la VPN Shellfire è disponibile per i seguenti sistemi operativi:

segui le istruzioni a schermo ed è fatta. La nostra VPN Shellfire esiste sia in versione gratuita sia in una versione premium a pagamento, disponibile per circa 5 Euro al mese.

Clicca qui per ulteriori informazioni sulla VPN Shellfire

Server Proxy sull’iPhone

Un server proxy è una sorta di mini VPN. Gestisce tutti i tuoi accessi a Internet mascherando la tua identità online. L’unica cosa visibile ai cookie è l’indirizzo IP del server, che ovviamente non è il tuo indirizzo IP. Sugli iPhone sono disponibili alcune app gratuite che permettono di utilizzare i server proxy.

Tuttavia, a differenza di una VPN vera e propria, i server proxy non dispongono di molte funzionalità. Ad esempio, non è solitamente possibile selezionare il paese dove vogliamo che sia posizionato il proxy. Inoltre, la comunicazione tra il server e l’iPhone non è generalmente protetta allo stesso livello che con una rete privata virtuale, cioè una VPN.

I server proxy possono essere utilizzati anche su iPhone tramite varie app. Tuttavia, rispetto alle app VPN vere e proprie come quella di Shellfire, comportano parecchi svantaggi. (Immagine: kevinandthepup / pixabay)

Rete Tor su iPhone

La rete Tor viene definita, in modo piuttosto rozzo, come un server proxy con i muscoli gonfiati dagli ormoni. È una rete di oltre  2.000 server messi a disposizione da utenti privati. Il traffico dati viene instradato attraverso questa rete tramite percorsi casuali, anch’essi schermati, che cambiano ogni volta che l’utente naviga. Tutto ciò rende impossibile tracciare l’utente così come risalire alla sua identità.

Ci sono diversi browser gratuiti disponibili per la rete Tor, Safari non è però compatibile. Non ci sono svantaggi particolari nell’uso di Tor se ci si limita a una normale navigazione. La situazione cambia se si vuole, per esempio, fare streaming. A causa del percorso arbitrario attraverso la rete che passa per numerosi browser, la velocità di navigazione è infatti piuttosto lenta. A lungo andare, questo è piuttosto fastidioso.

È legale utilizzare la VPN sull’iPhone?

Utilizzare una VPN sull’iPhone è assolutamente legale. Lo si può evincere dal fatto che si possa inserirne una nelle impostazioni di sistema del dispositivo. Nella sezione Generale, troverai la voce VPN come una delle ultime opzioni. Ciò consente di connettere o disconnettere reti private virtuali esistenti. Se non hai ancora una VPN, puoi aggiungerne una qui.

La regola generale è la seguente: ogni volta che Apple (o Google su Android) offre un’opzione all’interno del sistema, questa è considerata legale. In caso contrario, le aziende produttrici non sarebbero autorizzate a offrire questa opzione come parte del loro sistema operativo. Non devi quindi preoccuparti di incorrere in problemi legali se vuoi utilizzare una VPN sul tuo iPhone.

Quali vantaggi offre una VPN sull’iPhone quando si fa streaming?

Una VPN è in grado di aggirare quello che viene definito “geo-blocking”. I provider di streaming spesso limitano i contenuti a cui gli utenti possono accedere in base alla loro regione. Ad esempio, non tutte le serie televisive statunitensi rendono immediatamente disponibili le ultime stagioni al di fuori degli USA.

Con una VPN, puoi accedere come se fossi negli Stati Uniti (o in qualsiasi altro paese tu voglia) e riprodurre in streaming le serie, i film e la musica che volevi guardare o ascoltare. Poiché il tuo anonimato è assicurato, non ti dovrai inoltre preoccupare che qualcuno si accorga che hai aggirato il blocco geografico.

Conclusioni

Esistono diversi modi per navigare in modo invisibile con l’iPhone. Tuttavia, usare una VPN è l’opzione migliore. Offre la massima protezione (sia nei confronti di Apple sia dei cookie), è legale e ha altre funzionalità estremamente utili. Tra queste, una importantissima è la capacità di aggirare i blocchi geografici. E a differenza della rete Tor, ad esempio, protezione e funzionalità non vanno a discapito della velocità di navigazione e/o di streaming.

No ratings yet.

How did you like this post?